Policoro, parla Scarcia:"Mazziotta e Autera si incontrarono"

Di Toghe Lucane e dintorni ci eravamo occupati anche in passato. Ora sembra che la vicenda si intrecci ad una caso, quello dei fidanzatini di Policoro, ancora irrisolto, e con molti dubbi. La storia, per chi non la sapesse è presto riassunta. Due ragazzi, Luca Orioli e Marirosa Andreotta, muoiono in una maniera un pò strana, folgorati in una vasca da bagno.

Si pensa inizialmente ad un suicidio. Non lo è; i due sono stati uccisi ed in seguito è stato inscenato un suicidio. Perchè? Perchè pare che Marirosa fosse entrata in contatto con un ambiente fatto di festini a base di sesso e cocaina, a cui partecipavano nomi noti della magistratura, delle istituzioni e della finanza lucana.

Tutto da accertare chiaramente; ma le rivelazioni di Salvatore Scarcia, uno dei più noti boss del metapontino, permettono di mostrare in una nuova luce il caso.

Secondo quanto dichiarato da Scarcia, attualmente detenuto presso il carcere di Melfi, nel quale sta scontando una condanna per associazione mafiosa, il pm che inizialmente archiviò, senza neanche attendere l'esito dell'autopsia - mai eseguita - il caso di Luca Orioli e Marirosa Andreotta come suicidio, si era incontrato con uno dei principali indagati.

Tutto avviene una domenica mattina, come racconta in un bel pezzo del Corriere di oggi Carlo Vulpio. E' bene ricordare che per essersi interessato a queste vicende, Vulpio si è trovato più di una volta la finanza in casa o in redazione. Scarcia racconta di un meeting in cui si incontrano magistrati, imprenditori, e un colonnello dei carabinieri.

E anche lui, va da sè. E in questo summit, una domenica mattina, si parla di Marinagri, il villaggio turistico che avrebbe inghiottito come una voragine milioni di euro di finanziamento pubblico. Ci sono due ersone che non dovrebbero trovarsi in quel posto in quel momento, o tantomeno non insieme, allo stesso tavolo a parlare.

Si tratta di Walter Mazziotta e Vincenzo Autera. Uno dei ue era il pm che aveva archiaviato tutto, di cui dicevamo poce righe fa. L'altro era l'imputato.

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: