Cina: massacro in una scuola materna, squilibrato uccide a coltellate 7 bambini ed un'insegnante

Shaanxi

Sono ancora oscuri i motivi che hanno spinto, questa mattina alle 8 ora locale, uno squilibrato a fare irruzione in una scuola materna cinese, nel comune di Hanzhong nella provincia nord occidentale dello Shaanxi, e massacrare a coltellate 7 bambini ed una insegnante.

Nel massacro sono rimaste ferite almeno una ventina di persone, come reso noto dall'agenzia di stampa ufficiale Xinhua, che ha confermato anche il suicidio dell'assassino:

Sette bambini sono stati uccisi all’arma bianca e almeno altri venti feriti in un attacco violento in una scuola materna della provincia settentrionale dello Shaanxi questa mattina. Il killer, Wu Huanmin, 48 anni, è poi tornato nella sua casa del villaggio e si è tolto la vita.

Questa ennesima aggressione ha contribuito a portare alla luce alcuni dati piuttosto preoccupanti sulla popoplazione cinese, composta da più di 1 miliardo e 300 mila persone.

Di questi, ben 173 milioni - e parliamo solo di adulti - soffrirebbero di problemi mentali. Solo il 9% di loro, però, ha ricevuto aiuti adeguati. Il restante 91% no.

Quello messo in atto da Huanmin è il quinto massacro, dai contorni simili, registrato negli ultimi due mesi sul territorio cinese. Un dato più che allarmante.

Via | Japan Today

  • shares
  • Mail