Maxi processo Spartacus: la Cassazione conferma i 16 ergastoli

processo-spartacus

La Cassazione, dopo quasi cinque ore di camera di consiglio, ha respinto i 24 ricorsi presentati dagli imputati del processo Spartacus, di cui ci siamo occupati più volte in passato.

Confermate quindi tutte le condanne, inclusi i 16 ergastoli ad altrettanti boss del clan camorristico dei Casalesi, tra cui Francesco "Sandokan" Schiavone, Francesco Bidognetti, Michele Zagaria e Antonio Iovine.

Si chiude così una delle pagine più cruente nella storia del crimine italiana, come confermato dallo scrittore Roberto Saviano:

Le condanne definitive al clan dei casalesi dimostrano che la camorra non è imbattibile. Spero che questo sia solo l'inizio e non la fine di una battaglia necessaria. Bisogna ricordare che i reati per i quali la Corte ha confermato le condanne emesse dai giudici del merito risalgono al 1996, quindi si è fatta giustizia per il passato ma per il presente e per il futuro la strada è ancora lunga. Tuttavia, è anche su questa pronuncia definitiva che dovrà costruirsi l'azione di contrasto alle mafie, che solo attraverso il diritto potranno essere sconfitte. Ora, però, il pensiero deve andare a tutti i morti ammazzati innocenti e agli africani che si ribellano ai poteri criminali in una terra dove in troppi abbassano la testa. A loro deve essere dedicata questa vittoria dello Stato. Una vittoria importante, un nuovo inizio sperando che su questi argomenti i media tengano sempre accesi i riflettori.



Questi i nomi dei 16 imputati che avevano fatto ricorso contro la condanna all’ergastolo:

Francesco “Sandokan” Schiavone
Francesco “Cicciariello” Schiavone
Francesco Bidognetti
Raffaele Diana
Giuseppe Caterino
Walter Schiavone
Cipriano D’Alessandro
Enrico Martinelli
Alfredo Zara
Giuseppe Diana
Sebastiano Panaro
Luigi Venosa
Vincenzo Zagaria
Mario Caterino (ancora latitante),
Antonio Iovine (ancora latitante)
Michele Zagaria (ancora latitante)

E queste invece sono gli altri 8 imputati:

Antonio Basco (21 anni)
Luigi Diana (16 anni)
Nicola Pezzella (15 anni)
Carmine Schiavone (10 anni e mezzo)
Guido Mercurio (9 anni)
Corrado De Luca (8 anni, ancora latitante)
Alberto Di Tella (4 anni)
Vincenzo Della Corte (3 anni e tre mesi)

  • shares
  • Mail