Federico Aldrovandi: carcere per tre degli agenti condannati

Federico Aldrovandi

La decisione del Tribunale di sorveglianza di Bologna è arrivata: Monica Segatto, Paolo Forlani e Luca Pollastri, tre dei quattro poliziotti condannati definitivamente per omicidio colposo in relazione alla morte di Federico Aldrovandi, dovranno scontare in carcere la pena residua di sei mesi.

I tre, insieme ad Enzo Pontani, furono condannati in via definitiva a 3 anni e 6 mesi di carcere per il violento pestaggio che costò la vita, il 25 settembre 2005, al 18enne di Ferrara. Per via dell'indulto si sono rivisti ridurre la pena di tre anni e stamattina il tribunale di sorveglianza di Bologna era stato chiamato ad esprimersi sulle sorti dei quattro in merito ai sei mesi ancora da scontare.

I difensori dei quattro agenti avevano chiesto gli arresti domiciliari, ma i giudici hanno ritenuto giusto accogliere la richiesta del procuratore generale Miranda Bambace e far scontare in carcere a tre di loro i mesi che restano. Il quarto agente, Enzo Pontani, sarà giudicato entro la fine di febbraio.

La decisione è stata motivata dal fatto che i tre agenti, nel bloccare l'adolescente, violarono una serie di protocolli di intervento - compreso l'uso degli sfollagente - e il loro comportamento dopo la morte del giovane, che secondo il Tribunale non hanno mai dimostrato dispiacere o pentimento per il decesso di Federico Aldrovandi.

  • shares
  • Mail