Monza, Antonia Stanghellini uccisa in casa: l'ex marito Mustafà Hashuani ha confessato

Ancora un omicidio in famiglia, l'ennesimo delitto che si sarebbe potuto evitare. Mustafà Hashuani, marocchino di 45 anni, ha ucciso a coltellate l'ex moglie Antonia Stanghellini, 47 anni, ed è corso a costituirsi presso la vicina stazione dei carabinieri.

E' accaduto ieri sera a Bernareggio, piccolo comune in provincia di Monza e Brianza. All'arrivo dei soccorsi non c'era già più nulla da fare: gli operatori del 118 non hanno potuto far altro che constatare il decesso della donna, operaia originaria di Cremona.

Il motivo scatenante di questo folle delitto è da ricercare nella gelosia di Hashuani, da tempo disoccupato. L'uomo non si era ancora rassegnato alla fine del suo matrimonio con Antonia, terminato nel natale 2011 dopo diversi anni, e da tempo aveva iniziato a pedinarla e minacciarla.

Antonia l'aveva più volte denunciato, salvo poi ritirare la denuncia per paura che lui diventasse ancor più violento. Il fatto che Mustafà fosse disoccupato da più di un anno aveva contribuito ad aumentare la sua esasperazione e gran parte di quel tempo libero era dedicato a tormentare l'ex moglie e madre dei suoi due figli, di 12 e 16 anni.

Da tempo l'uomo era diventato ancor più violento e le liti, come confermano i vicini di casa, erano all'ordine del giorno. Hashuani aveva anche conservato una copia delle chiavi di casa e si presentava nell'appartamento dell'ex moglie senza preavviso e agli orari più improbabili, convinto che la donna avesse una nuova relazione.

Sarebbe proprio questo - il sospetto di una nuova relazione - ad aver fatto scattare la furia omicida del marocchino. Ieri, mentre i due figli non erano in casa, Hashuani è entrato nell'abitazione ed ha confrontato l'ex moglie. Dalla banale discussioni all'omicidio il passo è stato breve.

Il marocchino, dopo essersi costituito, è stato interrogato dai carabinieri di Vimercate e condotto nel carcere di San Vittore.

  • shares
  • Mail