Mosca, acido contro il direttore del teatro Bolshoi: Sergei Filin rischia la cecità

Brutale agguato ai danni di Sergei Filin, l'ex ballerino russo ora direttore artistico del balletto del prestigioso teatro Bolshoi di Mosca. Un uomo mascherato, non ancora identificato, ha atteso il 43enne per ore sotto casa e non appena quest'ultimo ha parcheggiato la sua auto si è avvicinato e gli ha lanciato addosso dell'acido, mirando al volto e agli occhi.

Poi, così come era arrivato, si è dato alla fuga facendo perdere le proprie tracce. Filin è stato subito soccorso e trasportato in ospedale con ustioni di terzo grado sul volto. Le sue condizioni non sarebbero gravi, anche se i medici hanno preferito non sbilanciarsi sulla possibilità che Filin possa recuperare completamente la vista.

Dell'aggressore ancora nessuna traccia, mentre sul movente dell'agguato c'è già un'ipotesi che sembra più valida delle altre: gli inquirenti ritengono che il ferimento dell'ex ballerino sia legato alle politiche interne al teatro. Filin era stato nominato direttore, non senza polemiche, nel marzo 2011 e da quel momento aveva iniziato a subire minacce e ritorsioni.

Cose forse di poco conto, ma che acquistano tutto un altro valore alla luce della grave aggressione: nel corso degli ultimi mesi Filin aveva dovuto scontrarsi con telefonate nel cuore della donne, gomme dell'auto bucate, minacce di morte su internet. E tutto questo perchè aveva stravolto il programma del Bolshoi, riaperto nell'ottobre 2011 al termine di un restauro durato ben 6 anni.

Le indagini proseguono a 360 gradi, mentre si attendono aggiornamenti sullo stato di salute dell'ex ballerino.

Foto © Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail