Milano, sparatoria all'autofficina: un morto e un ferito


Aggiornamento 19/01/2013 - Potrebbero esserci vecchi rancori tra Tonini e Costantino all’origine della sparatoria di ieri, ma questa è solo un'ipotesi di chi indaga, il movente è ancora oscuro. Il garagista è sempre ricoverato in gravi condizioni in ospedale, dove è stato sottoposto a un intervento chirurgico.

23:14 - È morto in ospedale Vittorio Tonini, l'uomo che questa sera ha sparato al custode (e non al titolare come emerso dalle prime informazioni) dell'autorimessa. Lo ha reso noto la questura di Milano. Il ferito si chiama Carmelo Costantino, di 65 anni.

Milano, sparatoria in un’autofficina: due feriti, un fermo


Sparatoria

a Milano poco dopo le 18 di oggi in zona Bocconi. Un uomo è entrato in una autofficina di via Salasco ed ha aperto il fuoco contro il titolare, originario di Palermo secondo le prime informazioni, che è rimasto ferito in modo grave all’addome. Dopo l’aggressore, che pare avesse con sé due pistole, ha appiccato il fuoco al furgone con cui era entrato nell’autorimessa, le fiamme si sono poi estese all’interno del garage incendiando altre auto.

All’arrivo della polizia l’uomo ha ingaggiato un conflitto a fuoco anche con gli agenti, che invano avevano tentato di farlo ragionare, ed è rimasto anche lui ferito in modo grave. Lo sparatore così come il titolare dell’autofficina sono stati soccorsi e portati in codice rosso in ospedale, uno al San Paolo, l’altro al San Raffaele. Un testimone ha raccontato:

Stavo uscendo dal portone di casa, quando ho sentito degli spari, tre o quattro credo, e le urla di una persona che scappava spaventata. Poi mi sono richiuso dentro per qualche minuto, e quando sono sceso in strada ho visto il garage in fiamme.

Lo sparatore, che ha 73 anni, è piantonato in stato di fermo. Il suo nome non è ancora noto, così come il motivo che lo ha spinto ad aprire il fuoco e seminare il panico nel tardo pomeriggio di oggi in via Salasco, nella zona sud della città.

Foto © Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail