Caserta, usura ed estorsione: 8 arresti nell’operazione Dea Bendata

Otto persone sono finite in manette questa mattina a Santa Maria Capua Vetere, in provincia di Caserta, per le accuse di usura ed estorsione. L’operazione "Dea Bendata" arriva al termine di accurate indagini dei carabinieri coordinati dalla locale procura della Repubblica.

In particolare gli inquirenti contestano agli arrestati, residenti nei comuni di Santa Maria Capua Vetere e Maddaloni, di aver vessato con continue richieste di denaro la titolare di una ricevitoria del lotto arrivando ad estorcere alla donna fino a 400 euro al giorno per i soldi prestati a strozzo. Con la crisi che incombe e i normali canali creditizi sempre meno accessibili a chi ne ha bisogno, a fare affari d’oro sono gli usurai e la criminalità organizzata, chi cioè non ha problemi di liquidità.

I carabinieri hanno anche eseguito i decreti di sequestro emessi dalla magistratura per recuperare il denaro illecitamente percepito dai presunti usurai. Tra loro anche una donna. I nomi degli arrestati li riporta Interno 18. Si tratta di Tommaso Giglio, Luigi Marciano, Lorenzo Vinciguerra, Francesco Carfora, Costanza Orso, Giuseppe Fedele, Michele Cioffi, Gaetano Galbiati.


Foto © Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail