Capri, Anna Francesca Scarpati morta in casa: indagato il compagno

Le cause del decesso di Anna Francesca Scarpati, la cardiologa di 52 anni trovata morta ieri mattina a Capri, non sono ancora state chiarite, ma gli inquirenti hanno ritenuto opportuno iscrivere il suo compagno, l'uomo che ha trovato il corpo e lanciato l'allarme, nel registro degli indagati con l'accusa di abbandono di incapace.

Esclusa l'ipotesi dell'omicidio, infatti, prende sempre più corpo la possibilità che la donna sia deceduta a causa di un'emorragia, tragica conseguenza della cirrosi epatica di cui soffriva la donna. Il compagno, Raimondo Di Palo, 51 anni, secondo quanto ricostruito dai militari, avrebbe visto la donna versare in gravi condizioni, ma non sarebbe stato tempestivo nell'allertare i soccorsi.

Sarà l'autopsia, prevista per venerdì mattina presso l'istituto di medicina legale del nuovo Policlinico, a stabilire con certezza le cause e l'orario del decesso, così da permettere agli inquirenti di delineare l'impianto accusatorio ed accertare altre eventuali responsabilità.

Omicidio a Capri: Anna Francesca Scarpati trovata morta in casa

Anna Francesca Scarpati, medico cardiologo di 52 anni, è stava trovata morta stamattina a Capri, nell'abitazione di via Camarelle in cui stava trascorrendo le vacanze. A lanciare l'allarme è stato il compagno, che è rientrato a casa e l'ha trovata a letto priva di vita, immersa in un lago di sangue.

I soccorsi, subito giunti sul posto, non hanno potuto far altro che constatare il decesso della donna, mentre le autorità locali hanno avviato le indagini di rito, cominciando con l'interrogatorio, ancora in corso, dell'attuale compagno della donna, un 50enne originario del quartiere napoletano di Chiaia.

Poche le informazioni trapelate sulle possibili cause del decesso: la donna, residente a Napoli, è stata trovata in camera da letto, con le pareti della stanza sporche di sangue in più punti. Del caso si stanno occupando gli agenti del Commissariato di Capri.

  • shares
  • Mail