Cosenza, anziana uccisa in casa: Iolanda Nocito imbavagliata e picchiata

Legata, imbavagliata e picchiata. E' deceduta così Iolanda Nocito, 80 anni, trovata morta ieri pomeriggio nella sua abitazione di Belvedere Marittimo, in provincia di Cosenza, dal figlio don Marcello Riente, sacerdote del paese. La macabra scoperta è stata fatta intorno alle 12 di ieri, ma la morte sarebbe avvenuta qualche ora prima.

La causa del decesso non è stata ancora accertata. Sarà l'autopsia, già disposta dalla Repubblica di Paola, a chiarire se l'anziana sia morta per soffocamento o per il pestaggio subito. Di certo, vista l'assenza di segni di effrazione, Iolanda Nocito ha aperto la porta al suo assassino.

Ancora da chiarire se dall'appartamento siano stati portati via soldi o oggetti di valore. L'ipotesi più accreditata, infatti, è che si sia trattato di una rapina finita in tragedia, ma gli inquirenti hanno dato un taglio più ampio alle indagini, prendendo in considerazione un episodio avvenuto un paio di mesi fa, una tentata aggressione ai danni di don Riente.

Il 16 ottobre scorso don Marcello era stato aggredito e picchiato proprio sull'uscio della sua abitazione. Il responsabile non fu rintracciato e in queste ore le autorità stanno cercando di capire se tra i due episodi possa esserci un qualche collegamento. Che la vittima designata di questo omicidio fosse in realtà il parroco Riente?

  • shares
  • Mail