Milano: l’ispettore di polizia Sandro Clemente si suicida in questura

Si è suicidato sul posto di lavoro Sandro Clemente, ispettore di polizia originario dell’Aquila in servizio presso la questura di Milano. L’uomo, di 48 anni, si sarebbe tolto la vita con un colpo di pistola alla testa. I colleghi lo hanno trovato cadavere stamattina negli uffici della Squadra mobile della questura milanese.

L’uomo avrebbe lasciato una lunga lettera in cui spiega cosa l’ha spinto all’estremo gesto; il questore di Milano Luigi Savina allo stato esclude che alla base del suicidio possano esserci motivazioni professionali, legate a qualche delicata inchiesta in corso, o di salute:


Gli accertamenti sono tutt'ora in corso ma da quanto è emerso al momento sappiamo che alla base del suo tragico gesto non ci dovrebbero essere questioni di salute o personali. Il collega attraversava probabilmente un periodo di fragilità e noi purtroppo non siamo riusciti ad accorgercene.

Clemente, poliziotto in servizio praticamente da sempre alla Squadra mobile, era un investigatore di punta della sezione reati contro la pubblica amministrazione, che lo stesso Savina ha definito delicata, e si occupava anche di minori e criminalità straniera. Il questore ha aggiunto che sulla vicenda la Polizia di Stato vuole la massima trasparenza.

Foto © Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail