Andria: costringono una giovane connazionale a prostituirsi ed abusano ripetutamente di lei, in manette sei cittadini romeni

Andria

Dopo l'omicidio di cui vi abbiamo parlato poco fa, è ancora la Puglia a fare notizia. Più precisamente la città di Andria, in provincia di Barletta-Andria-Trani, dove sei cittadini romeni sono stati arrestati con l'accusa di sfruttamento della prostituzione, riduzione in schiavitù e violenza sessuale.

Il gruppetto era riuscito a convincere una connazionale a trasferirsi in Italia con la promessa, come al solito, di un lavoro sicuro ed onesto.

La 18enne ci ha creduto e li ha raggiunti. A quel punto i sei hanno iniziato a minacciarla di morte, costringendola a prostituirsi e ad avere rapporti sessuali con loro.

Non contenti, poi, si facevano consegnare l'intero incasso della giornata.

Alla fine la giovane si è convinta a denunciare i suoi aguzzini che ora si trovano dietro le sbarre con l'accusa in concorso di sfruttamento della prostituzione, riduzione in schiavitù e violenza sessuale.

Via | Diario Del Web

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: