Lerici, rapina con sequestro di persona: da ieri sera nessuna notizia di Andrea Calevo

Sono passate ormai 16 ore da quando una banda di rapinatori, quasi certamente stranieri, ha fatto irruzione in una villetta di Lerici, in provincia di La Spezia, e dopo averla saccheggiata ha preso in ostaggio il proprietario dell'abitazione, l'imprenditore edile Andrea Calevo, 31 anni, promettendo che l'avrebbero rilasciato di lì a poco.

E invece del giovane ancora nessuna notizia. La sua automobile, una Audi A1, utilizzata dai malviventi per la fuga, è stata recuperata questa mattina nel torrente Magra, a pochi chilometri dal luogo del sequestro, ma del giovane nessuna traccia, così come dei malviventi e della refurtiva.

I quattro banditi sono entrati in azione ieri sera. Col volto coperto e armati di pistola, sono entrati nella villetta ed hanno legato la moglie dell'imprenditore, madre di Andrea, e costretto quest'ultimo ad aprire la cassaforte. Una volta recuperato il bottino - qualche gioiello e poche migliaia di euro - i quattro hanno portato con loro anche Andrea, forse per assicurarsi che la donna non lanciasse l'allarme alle autorità.

Poche ore dopo, non avendo notizie del figlio, la donna ha allertato i Carabinieri e fatto scattare le indagini. Dopo il ritrovamento dell'automobile la squadra dei sommozzatori si è subito messa al lavoro per setacciare le acque del torrente e trovare eventuali tracce dell'uomo. All'interno del veicolo, lo confermano le autorità, non c'erano persone.

Scattata anche la caccia ai malviventi - tre, quattro persone al massimo - descritti dalla madre del sequestrato come di origine slava. La svolta potrebbe arrivare dall'analisi del veicolo recuperato, che potrebbe nascondere tracce o impronte digitali lasciate dai banditi.

Del caso si stanno occupando i Carabinieri di Genova e il Ris, col supporto di oltre novanta agenti del Reparto Anticrimine della Polizia di Genova e dei Ros, tutti coordinati dalla DDA del capoluogo ligure.

(in aggiornamento)

Foto © Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail