Scozia: ecco i volti degli assassini del piccolo Peter e qualche rivelazione sul loro passato violento


Torniamo ad occuparci del caso del piccolo Peter, il bambino di 17 mesi ucciso a causa delle percosse subite dalla madre 27enne, dal suo nuovo compagno di 32 anni e da un amico di famiglia, Jason Owen, 37 anni.

La stampa britanica ha ottenuto il via libera per diffondere le foto dei tre aggressori, tutti condannati, e di rivelare qualche altro dettaglio su di loro.

Della madre, Tracey Connelly, vi abbiamo parlato in più occasioni ed ora potete vederla in faccia, così come di Jason Owen, che dovrebbe trascorrere tre anni dietro le sbarre, e di suo fratello, Steven Barker, condannato anche per violenza sessuale ai danni di una bambina di due anni.

Quest'ultimo, in particolare, è stato giudicato incapace di non commettere atti violenti nei confronti di bambini. Pare che oltre ai due casi per cui è stato condannato, abbia colpito almeno altre due volte.




Maggiori dettagli sul suo conto sono stati diffusi anche da sua sorella, che ha rivelato la sua passione fin da bambino: torturare ed uccidere piccoli animali, pratica piuttosto diffusa quando si parla di serial killer.

Pare inoltre che i due fratelli, Owen e Barker, abbiano anche torturato la loro nonna, constringendola a cambiare il suo testamento a loro favore. Quello che non è chiaro è se ci siano riusciti o meno.

In queste ore si sta vagliando l'ipotesi di un nuovo processo alla luce delle nuove accuse.

Via | Daily Mail

  • shares
  • Mail
7 commenti Aggiorna
Ordina: