Roma: 71enne pusher finisce in manette per la tredicesima volta, il primo reato nel 1973

cocaina

Dopo il rapinatore messo ko a colpi di taekwondo, ecco un'altra notizia curiosa che ci giunge oggi dalla Capitale, dove una pregiudicata romana di 71 anni, che da tempo si era improvvisata spacciatrice di droga, è stata arrestata per la tredicesima volta.

Della singolare attività della donna vi avevamo parlato nel novembre scorso, quando era finita in manette per la nona volta con l'accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Ora che è stata arrestata per la tredicesima volta, le autorità hanno diffuso qualche dettaglio in più sulla lunga carriera della donna nel campo degli stupefacenti.

Il primo arresto era scattato nel 1973, quando la donna aveva 35 anni: da quel momento in poi è stato un crescendo, da resistenza a pubblico ufficiale, al furto, dal gioco d'azzardo fino alla contraffazione.

In quest'ultima occasione nella sua abitazione sono stati rinvenuti:

60 grammi di cocaina già suddivisi in singole dosi pronte per alimentare il mercato della zona. Altre 3 bustine di polvere bianca erano ben custodite nel reggiseno dell'anziana che è stata arrestata per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Via | La Repubblica di Roma

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: