Caserta, uccide la moglie Giovanna De Lucia e tenta il suicidio: arrestato Giovanni Venturano

Ennesima tragedia in famiglia, ancora una volta scatenata da una separazione e dal vano tentativo di rimettere insieme i cocci di una relazione ormai finita. E' accaduto intorno alle 15 di ieri, in un appartamento di San Felice a Cancello, in provincia di Caserta, dove la donna, Giovanna De Lucia, 27 anni, si era trasferita da pochi giorni.

Lei, madre di tre figli, aveva lasciato la casa in cui per anni aveva vissuto col marito, il 27enne Giovanni Venturano, ed era tornata a vivere dai genitori. Ieri il marito si è presentato in casa nel tentativo di ricucire i rapporti, ma la situazione è degenerata e dopo un'accesa discussione il giovane ha estratto un coltello da cucina con lama da 20 centimetri e si è accanito sulla moglie, ferendola con diversi colpi e provocandone la morte nel giro di poche ore.

Lei è deceduta intorno alle 18, tre ore dopo l'accoltellamento. Lui, invece, ha cercato di togliersi la vita nello stesso modo nei momenti immediatamente successivi al ferimento della consorte. Si è procurato lesioni alla gola e all'addome, ma il repentino intervento dei soccorsi ha evitato il peggio.

L'uomo è stato ricoverato all'ospedale di Caserta - le sue condizioni non sono gravi - ed è stato prontamente arrestato dai carabinieri della stazione di Cancello Scalo con l'accusa di omicidio volontario.

  • shares
  • Mail