Udine, uccide a coltellate l'ex compagna Lisa Puzzoli: arrestato Vincenzo Manduca

Omicidio ad Udine, uno di quelli che forse si sarebbero potuti evitare. Lisa Puzzoli, 22 anni, è stata uccisa a coltellate dal suo ex fidanzato e padre della sua bambina, il 27enne Vincenzo Manduca, già denunciato tre volte per stalking dalla stessa giovane dopo che lui aveva iniziato a perseguitarla.

Ieri pomeriggio, nell'appartamento in cui la giovane viveva insieme alla figlia, in una frazione del comune di Basiliano, si è consumata la tragedia: stando ad una prima ricostruzione, Manduca si è presentato in casa e dopo una breve e violenta discussione ha estratto un coltello da cucina e si è accanito sull'ex compagna, uccidendola davanti agli occhi del fratello di lei, presente in casa durante la furia omicida del 27enne.

Subito dopo il delitto, Manduca ha raggiunto la piazza del paese ed ha chiamato le autorità confessando tutto e lasciandosi arrestare senza opporre resistenza. Se l'esatta dinamica non è stata ancora accertata, quello che è certo è che il movente è da ricondurre al riconoscimento della figlia di Lisa.

La bimba, nata due anni fa, era stata motivo di rottura per i due fidanzati. Lui sosteneva che non fosse figlia sua e si era rifiutato di riconoscerla, lei era convinta del contrario. Ad agosto, pochi mesi fa, era arrivata la conferma del test del DNA: Vincenzo Manduca è il padre della bimba.

Dopo quella scoperta erano iniziate le molestie e gli episodi di stalking, denunciati per ben tre volte dalla giovane madre, purtroppo senza conseguenza di rilievo. Ieri Manduca, residente a Forlì, ha raggiunto la provincia di Udine e compiuto l'irreparabile. Da chiarire, saranno le indagini a stabilirlo, se il giovane sia partito da casa con l'intenzione di uccidere l'ex compagna - e il delitto sarebbe quindi premeditato - o se si sia trattato di un raptus del momento.

Le indagini sono condotte dai militari della stazione di Campoformido insieme con il Nucleo investigativo di Udine, tutti coordinati dal sostituto procuratore Marco Panzeri.

  • shares
  • Mail