Scampia: omicidio davanti all’asilo, ucciso Luigi Lucenti









L‘hanno ucciso a Scampia nel cortile della scuola frequentata dal figlio che era andato a prendere. Ancora un omicidio a Napoli, ancora una vittima della faida di camorra che si combatte nell’area nord della città secondo gli inquirenti. L’omicidio è avvenuto verso mezzogiorno, a essere freddato Luigi Lucenti, di 50 anni. L'agguato mortale si è consumato nel cortile di una scuola dell’Infanzia in via Fratelli Cervi.

I killer, due, sarebbero giunti in sella a uno scooter con il quale si sono poi dileguati dopo aver compiuto la loro missione di morte. Una insegnante dell'istituto ha assicurato che i bambini in uscita prima delle 16, quando termina il turno pomeridiano, sono stati fatti passare insieme ai genitori da un ingresso secondario per non far vedere loro quanto accaduto.

L’ultimo assassinio a Napoli c’era stato quattro giorni fa quando un uomo, presunto scissionista, era stato ucciso e poi abbandonato lungo la strada che porta verso il comune di Melito, a nord di Napoli. Secondo gli investigatori dei carabinieri l’omicidio di Lucenti potrebbe rientrare nella seconda faida di Scampia tra i girati di via Vanella Grassi e gli scissionisti.

Il Mattino scrive che l’episodio delittuoso odierno riguarderebbe in particolare la volontà di far ripartire la gestione di una piazza di spaccio un tempo molto redditizia per gli scissionisti, ma oggi praticamente inutilizzata.

Si tratta della cosiddetta "Cianfa di Cavallo" di via Ghisleri, via dove 10 giorni fa fu catturato in un appartamento il giovane latitante Mariano Abete, ritenuto già reggente del suo clan, appunto gli scissionisti di Secondigliano.

  • shares
  • Mail