Udine, maxi evasione fiscale: sequestro da 8 milioni al commercialista Stefano Barei

Godeva di un patrimonio di oltre 8 milioni di euro eppure risultava ufficialmente "incapiente". Aveva intestato tutto ad una società di capitali riconducibili alla sua convivente, riuscendo così ad evitare i suoi obblighi nei confronti dello Stato. L'uomo, il commercialista friulano Stefano Barei, era già stato indagato per violazioni fiscali, ma ora è stato raggiunto da un provvedimento di sequestro di beni immobili per un valore complessivo di 8 milioni di dollari.

Il sequestro, conseguenza della normativa che consente l'aggressione dei patrimoni dei soggetti responsabili di reati fiscali, è stato compiuto dagli agenti della Guardia di Finanza di Udine, che ha posto i sigilli a 16 edifici in provincia di Udine, una villa in un borgo medievale friulano, una villa ottocentesca di oltre 400 metri quadrati e un parco privato di circa 12 mila metri quadrati, terreni per un totale di circa 7 ettari tra Friuli, Liguria e Toscana.

E' stato durante diverse perquisizioni che i militari sono riusciti a recuperare gli atti di compravendita ed intestazione dei terreni e degli immobili, accertandone così la vera proprietà. All'uomo è stata contestata, insieme ad un altro individuo, l'emissione di fatture per operazioni inesistenti per oltre 7 milioni di euro.

Foto | © TMNews

  • shares
  • Mail