Napoli, ucciso e abbandonato sulla superstrada: si indaga sulla faida di Scampia

Il corpo senza vita di un uomo, non ancora identificato, è stato rinvenuto stamattina sulla superstrada perimetrale di Melito, in provincia di Napoli, nei pressi della rampa di uscita di Giugliano. In un primo momento si era pensato alla vittima di un incidente stradale, ma è bastato un primo esame del medico legale per scoprire che l'uomo è stato ucciso con un colpo di pistola.

Un omicidio, dunque, che secondo gli inquirenti potrebbe essere avvenuto altrove e il corpo potrebbe esser stato portato lì soltanto in un secondo momento. Esclusa fin da subito l'ipotesi di una rapina: il cadavere, privo di documenti, aveva con sé 3.600 euro in contanti e, scrive il Mattino, un Rolex d'oro ancora al polso.

L'ipotesi più plausibile, vista la vicinanza col quartiere napoletano di Scampia, è che il delitto sia maturato nell'ambito della faida, riesplosa da qualche mese tra i cosiddetti Girati di via Vanella Grassi e il clan da cui si sono staccati, gli Scissionisti.

Sarà l'identificazione della vittima, che dovrebbe avvenire quanto prima, a fornire un quadro più completo della situazione. Del caso si stanno occupando i carabinieri del Nucleo investigativo di Castello di Cisterna.

Foto | © TMNews

  • shares
  • Mail