Quarto Grado puntata 30 novembre 2012 live: Sabrina Misseri innocente? Il padre teme di essere avvelenato

In un nuovo interrogatorio, Sabrina Misseri nega di aver ucciso Sarah, considerata una sorella minore. Nessun litigio o gelosia per Ivano. L'unico colpevole? Rimane il padre Michele che teme di essere avvelenato.

Chi mente sull'omicidio di Valentina Salamone?


Il cerchio si stringe attorno alla morte di Valentina Salamone, la diciannovenne di Biancavilla trovata morta impiccata il 24 luglio del 2010. Giuseppe e Nicola (l'uomo sposato che aveva una relazione con la ragazza al momento della morte) forniscono due versioni diverse (il cappio sarebbe stato tolto prima del probabile suicidio) di quello che è accaduto durante la sera della festa negando ogni oggettiva responsabilità e coinvolgimento sulla vicenda.


Papà Antonino: Ci ha fatto male pensare che mia figlia si suicidata.


Le sorelle di Valentina: Dopo anni siamo vicini alla verità. Sono tutti colpevoli anche chi non c'era e non ha parlato. Piangeranno tutti. Non è gente che si pente. Non le perdonerei neanche se venissero a bussare ora alla mia porta. Riposerà in pace sapendo che i suoi assassini sono in carcere. Devono pagare tutti i giorni della loro vita. Devono soffrire come tutti noi. E' un passo vederli in prigione ma se c'è giustizia divina...


Giuseppina (mamma di Valentina): Da quel giorno i miei figli li hanno ammazzati tutti. Non c'è più un sorriso.

Quarto Grado puntata 30 novembre 2012

Quarto Grado puntata 30 novembre 2012
Quarto Grado puntata 30 novembre 2012
Quarto Grado puntata 30 novembre 2012


Andrea suicida perché vittima di bullismo?


La morte di Andrea

che, a 15 anni, si è tolta la vita perché tacciato di essere gay con tanto di scritta sui muri della scuola ("Non vi fidate del ragazzo dai pantaloni rosa perché è frocio").

Teresa (mamma di Andrea): Era un ragazzo allegro, aperto alla vita, aveva dei progetti e guardava il mondo sempre con un sorriso. Non penso si sentisse diverso. Sicuramente veniva visto differente perché comunque era un ragazzo pieno di interessi, sensibile ma non avrebbe mai fatto male ad una mosca. Era attento alle persone e non urtare la loro sensibilità. Viveva un disagio ma non l'abbiamo percepito. Mi auguro che venga fuori la verità.

In questa società l'ignoranza vuole prendere il sopravvento ci deve essere tolleranza verso tutti. Non è il colore che può identificare un'identità sessuale. Non si può schernire un ragazzo perché ha prospettive che non cadano nella banalità. Il pantalone rosa era un jeans scolorito da me risalente all'anno scorso. Lo sfottò andava avanti da un pò. Le unghie colorate inventato da me per non fargliele più mangiare perché voleva riprendere a studiare pianoforte. Che male c'è? Io mi pongo tanti dubbi... scusa, permesso, piacere forse non va bene. Io non ho più un figlio, forse non l'ho preparato alla società. Ho tanti sensi di colpa. Tanta rabbia, tanti stati emotivi che si confondono alla ricerca di un perché. Andrea era la luce fuori dal coro. Daniele, l'altro figlio, ha perso un compagno di gioco, un mito. Non ha avuto gli strumenti per elaborare questa tragedia. Deve essere aiutato.


Si indaga per istigaazione all'omicidio anche se contro ignoti.

Scomparsa Angela Celentano: svolta nelle indagini?



Maria Celentano (mamma di Angela): Io spero che ogni giorno sia Natale per noi. Quest'anno mi auguro che possiamo scegliere assieme il regalo. Questa ragazza (la Celeste Ruiz della fotografia, ndb) ha i tratti somatici della nostra. Noi eravamo già pronti due anni e mezzo fa di partire per il Messico. Aspettiamo che gli investigatori vadano in Messico e tutti gli sviluppi del caso.


Luigi Ferrandino (legale dei Celentano): C'è stato un avvistamento circa dieci mesi fa. Una signora l'ha vista su un autobus. E' una persona che esiste e sta in una determinata zona del Messico.

Morte Mariella Cimò: 40 indizi contro Salvatore Di Grazia


Salvatore Di Grazia

avrebbe ucciso la moglie Mariella Cimò per denaro e continuare la sua vita da latin lover da provincia. 40 indizi schiaccianti che equivarebbero a prove. Il giorno successivo alla scomparsa, il marito avrebbe incaricato ad un muratore di fiducia di smantellare le cuccette dei cani a cui la donna era molto affezionata. La domestica, Pina Grasso, è indagata ancora per favoreggiamento. L'uomo, interrogato per sei ore e proclamatosi innocente, potrebbe finire presto agli arresti domiciliari.

I nipoti di Mariella sostengono che, in caso di accertata colpevolezza, l'uomo (che avrebbe fatto fuori la moglie per questioni economiche) sarebbe stato aiutato da qualcuno per l'ingente sforzo da compiere per sbarazzarsi del corpo.

Ritardo nella denuncia della sparizione della moglie (dopo quasi undici giorni). Buste di plastica contenenti i soldi scomparsi da casa ritrovate nell'autolavaggio. Ritrovamento scontrino della tinozza (quasi 33 euro) usata (a suo dire) per lavare i cani e mai ritrovata dagli inquirenti.

La morbosa gelosia di Mariella e la voglia di non accettare il tempo che passa e la vita da pensionato: Di Grazia avrebbe ammazzato la Cimò per questi motivi. L'uomo riceveva le 'amiche' nell'appartamento al piano superiore dell'autolavaggio, dove sono state trovate anche alcune pillole di Viagra.

  • shares
  • Mail