Tommaso Lotto ucciso in Brasile: arrestate sei persone

Le autorità di San Paolo, in Brasile, hanno sgominato una banda di criminali specializzata nel furto di orologi di lusso e coinvolta, secondo gli inquirenti, anche nella morte di Tommaso Lotto, il 27enne vicentino ucciso il 21 luglio scorso si trovava in auto insieme a José Ruiz-Gallardon Utrera, figlio del ministro della Giustizia spagnolo.

Per quel delitto erano già finite in manette due persone, ma le indagini erano ben lontane dal considerarsi concluse. Ieri la svolta, che ha permesso di far luce anche su altri delitti rimasti irrisolti.

La gang, scrive El Pais, è ritenuta responsabile dell'omicidio di due parlamentari e di numerosi tentati omicidi collocati nella nuova ondata di violenza a San Paolo che nel corso di pochi mesi ha fatto oltre 300 vittime.

Se l'omicidio di Lotto è stata classificato come rapina finita in tragedia, quelli dei due parlamentari fanno parte di una strategia attuata dai narcotrafficanti attivi sul territorio che, secondo gli inquirenti, avrebbero commissionato quei due delitti ai sei arrestati.

Le autorità si dicono certe del coinvolgimenti dei sei nell'omicidio di Lotto, ma saranno José Ruiz-Gallardon Utrera e gli altri testimoni oculari a confermare il loro ruolo: in questa seconda fase delle indagini chi ha assistito a quell'agguato sarà chiamato ad identificare i sei arrestati e permettere così la formulazione delle accuse.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail