Operazione contro il contrabbando di sigarette: 80 denunciati in Campania


 
 
 
 
 
 
 
   
 


Il contrabbando delle sigarette, complice il costo della vita in costante aumento, è ufficialmente riesploso con particolare attenzione ai comuni campani di Afragola, Giugliano in Campania e Cardito, definito dagli inquirenti "il triangolo d'oro del contrabbando". Dopo il maxi sequestro del settembre scorso, la Guardia di Finanza della Campania, guidata da Nunzio Ferla, ha messo a segno in queste ore un'importante operazione finalizzata a decapitare questa rinata attività illegale.

Oltre cento agenti hanno denunciato, da una parte all'altra della Campania, ben 80 persone coinvolte nel contrabbando di sigarette e sequestrato circa un quintale di merce destinata ad essere immessa sul mercato, portando ad oltre 64 il numero delle tonnellate di sigarette poste sotto sequestro in Italia dall'inizio del 2012 ad oggi.

Le sigarette illegali arrivavano da diverse parti del Mondo, con carichi via container dalla Grecia e dalla Cina e via terra dall'Europa dell'est - Ucraina, Polonia e Moldavia in primis - erano realizzate con materiali di scarsa qualità e contenenti sostanze tossiche come monossido di carbonio e arsenico.

Da gennaio ad oggi, scrive il Mattino, gli interventi delle autorità contro il contrabbando di sigarette hanno portato all'arresto di 80 persone, alla denuncia di 1.268 persone e al sequestro di 56 mezzi di trasporto e di undici immobili.

Video | TMNews

  • shares
  • Mail