Chiuse le indagini sull'attentato di Brindisi: chiesto il giudizio immediato per Giovanni Vantaggiato

E' Giovanni Vantaggiato, reo confesso, l'unico indagato per l'attentato alla scuola media Morvillo-Falcone di Brindisi del 19 maggio scorso - quello che costò la vita alla studentessa di 16 anni Melissa Bassi - e per il tentato omicidio dell'imprenditore Cosimo Parato, vittima di una bici-bomba confezionata da Vantaggiato ed esplosa a Torre Santa Susanna il 23 febbraio 2008.

La Direzione nazionale antimafia di Lecce ha chiuso le indagini sull'attentato alla scuola ed ha unificato anche il fascicolo relativo all'agguato ai danni di Parato, chiedendo il giudizio immediato per il 68enne che ce l'ha col mondo interno, che ha piazzato una bomba davanti ad una scuola ed ha ucciso una giovane studentessa perchè "prima si lavorava e si guadagnava, ora non più".

Pesantissime le accuse contestate a Vantaggiato: strage aggravata dalla finalità terroristica e costruzione e possesso di ordigno micidiale in merito all'attentato alla Morvillo-Falcone, tentato omicidio aggravato per l'agguato a Cosimo Parato.

La decisione finale spetterà al gip, che dovrà stabilire se accogliere o meno la richiesta degli inquirenti.

Foto | ©TMNews

  • shares
  • Mail