Francia, madre e due figlie uccise e nascoste nel frigorifero: il killer potrebbe nascondersi in Italia

Orrore a Vienne, piccolo comune del dipartimento francese dell'Isère, a sud-est del Paese, dove nella tarda mattinata di ieri le autorità locali hanno rinvenuto in un appartamento i corpi senza vita di una donna e delle sue due figlie piccole - una neonata di tre mesi e una bimba di 5 anni - uccise, secondo una prima analisi, in modo violento, forse a coltellate o con un oggetto contundente.

Il corpo della donna è stato rinvenuto dietro ad un divano, riverso a terra in un lago di sangue, mentre i cadaveri delle due figlie erano nascosti rispettivamente nel congelatore e nel frigorifero dell'abitazione. A fare chiarezza sulle cause del decesso sarà l'autopsia, già disposta dalla procura di Grenoble ed in programma per questa mattina.

I sospetti delle autorità si sono concentrati fin da subito sul compagno della donna e padre della neonata, un 26enne tunisino che in passato era stato condannato a 4 mesi di carcere con la condizionale per violenze ai danni della compagna. L'uomo è riuscito a rendersi irreperibile e stando agli ultimi aggiornamenti potrebbe addirittura esser fuggito in Italia.

Stando a quanto riferisce il quotidiano Europe1, il telefono cellulare dell'uomo sarebbe stato localizzato nel nostro Paese, ma le autorità non si sono ancora espresse su questo particolare, né hanno cominciato a prendere provvedimenti in merito.

La procura di Grenoble ha aperto un'inchiesta per omicidio volontario aggravato e concentrato le attenzioni anche su un altro uomo, il padre della bimba di 5 anni uccisa ed ex partner della donna. Anche lui risulta irreperibile, ma al momento non è chiaro se sia ricercato perchè sospettato di aver preso parte alla massacro o soltanto per essere interrogato sui rapporti tra le tre vittime o il presunto killer.

Le indagini e le ricerche dei due uomini proseguono.

  • shares
  • Mail