Agguato a Vibo Valentia: Annunziato Cilurzo ucciso a colpi di fucile

Ancora un omicidio a Vibo Valentia, a pochi giorni dall'agguato in cui ha perso la vita il 19enne Filippo Ceravolo e pochi mesi dopo l'esecuzione di Davide Fortuna, collegato dagli inquirenti alla faida tra i clan Patania e Piscopio. Annunziato Cilurzo, fioraio di 60 anni, è stato ucciso ieri intorno alle 20, raggiunto da alcuni colpi di fucile calibro 12 esplosi mentre si trovava sulla soglia di casa.

A lanciare l'allarme sono stati la moglie e i quattro figli dell'uomo, ma nonostante il repentino intervento dei soccorsi l'uomo è deceduto in pochi istanti. Dei killer, come sempre in questi casi, ancora nessuna traccia. La vittima, proprietario di una bancarella di fiori lungo la statale 18, era già nota alle forze dell'ordine e ritenuta vicina al clan Mancuso di Limbadi, già oggetto di diverse indagini da parte delle autorità.

Proprio per la sua vicinanza alla cosca, Annunziato Cilurzo era stato raggiunto nel febbraio 2011 da un decreto di sequestro di beni mobili ed immobili del valore complessivo di 5 milioni di euro, conseguenza dei risultati dell'operazione Odissea che nel 2006 aveva portato all'arresto di 41 presunti affiliati alla cosca Mancuso.

Delle indagini sulla morte di Cilurzo si stanno occupando gli agenti della squadra mobile di Vibo Valentia, che sta sentendo familiari, amici e conoscenti dell'uomo nella speranza di riuscire a ricostruire la dinamica del delitto e il suo movente.

Foto | © Getty Images

  • shares
  • Mail