Bollate: arrestato 27enne con l’ accusa di violenza sessuale, estorsione e stalking sulla fidanzata e l’ anziana madre

Un 27enne di Lainate, C. M., è stato arrestato lunedì pomeriggio alla periferia di Bollate con le accuse di violenza sessuale, estorsione e stalking. Vittime degli abusi la fidanzata 39enne e la madre della donna, una pensionata di 64 anni.

Il ragazzo, disoccupato e con qualche precedente per reati contro il patrimonio, era stato cacciato di casa e aveva trovato sistemazione nell’ abitazione che la fidanzata divideva con la madre.

I due si erano conosciuti sei mesi fa e la 39enne, invaghitasi del giovane, non aveva avuto problemi ad ospitarlo. Dopo poco tempo però erano iniziate continue e minacciose richieste di denaro: “se non mi date i soldi vi brucio le auto e la casa” .

Dalle minacce agli abusi sessuali, su madre e figlia, il passo è stato breve. Quando la fidanzata era al lavoro il giovane sfogava i suoi impulsi sulla pensionata. La figlia però non voleva denunciare il ragazzo, cercava di non credere a quanto le diceva la madre.

Lunedì pomeriggio sono stati i vicini di casa della 64enne a chiamare i carabinieri della Tenenza di Bollate dopo aver sentito delle urla provenienti dall' appartamento dell' anziana.

La donna aveva appena subito l' ennesima violenza. La figlia, dopo un colloquio con i carabinieri, ha confermato gli abusi e le minacce subite. Ora C. M. si trova nel carcere di San Vittore.

Foto | Cronaca Qui

  • shares
  • Mail