Napoli, uccide la moglie Antonetta Paparo e finge una tentata rapina: arrestato il marito Pasquale Iamone

Ha ucciso la moglie a coltellate, poi si è presentato in ospedale col corpo senza vita della donna ed ha raccontato di esser stato vittima di una tentata rapina finita in tragedia. La verità, però, è emersa in poche ore e per il 38enne Pasquale Iamone sono scattate le manette con l'accusa di omicidio.

E' accaduto ieri a San Sebastiano al Vesuvio, alle porte di Napoli. Iamone è arrivato al pronto soccorso della clinica Villa Betania, a Ponticelli, coperto di sangue portando con sé la moglie, Antonetta Paparo, 36 anni, ormai priva di vita ed ha messo in piedi una sceneggiata: ha degli agli inquirenti di essersi appartato in auto con lei e di aver subito un'aggressione da parte di alcuni malviventi che volevano rapinarli.

Da lì, secondo il racconto dell'uomo, la situazione sarebbe sfuggita di mano e gli aggressori avrebbero ucciso la moglie con almeno tre coltellate. La confessione di Iamone è arrivata nella notte, dopo ore di interrogatorio da parte degli inquirenti.

Non è chiaro cosa abbia spinto l'uomo ad uccidere la moglie, ma gli inquirenti sospettano che si tratti di un delitto a sfondo passionale. Pasquale Iamone verrà ora condotto nel carcere di Poggioreale con la pesante accusa di omicidio.

Foto | ©TMNews

  • shares
  • Mail