Lamezia, Vincenzo e Francesco Torcasio uccisi: 4 arresti cosca Giampà

Avrebbero fatto parte del gruppo di fuoco che ha ucciso tra giugno e luglio dell’anno scorso a Lamezia Terme (Catanzaro) Vincenzo Torcasio e il figlio Francesco ritenuti esponenti di spicco della omonimo clan contrapposto da anni alla cosca Giampà.

Le quattro persone arrestate stamattina dalla squadra mobile del capoluogo di regione calabrese, su ordine della locale Direzione distrettuale antimafia, appartengono secondo gli inquirenti proprio al clan Giampà. Dietro i due omicidi il controllo del racket delle estorsioni ai danni di imprenditori e la divisione dei profitti illeciti tra le cosche attive in città.

Vincenzo Torcasio, 58 anni, venne ucciso l’8 giugno del 2011 a colpi di pistola mentre assistva a una partita di calcetto in località Carrà-Marzomiglio. Un mese dopo venne ucciso il figlio sempre in un agguato di stampo mafioso, consumatosi in pieno giorno mentre il 20enne si trovava a bordo della sua auto.

Nel giugno scorso la cosca Giampà è stata duramente colpita con 36 arresti tra cui quello di un carabiniere accusato di essere "organico" alla cosca.

Foto | ©TMNews

  • shares
  • Mail