UK, caso Jimmy Savile: le indagini sulle molestie sessuali si concentrano sullo Stoke Mandeville Hospital

Proseguono a 360 gradi le indagini sugli abusi sessuali ai danni di minori compiuti dal conduttore inglese Jimmy Savile, deceduto lo scorso anno all'età di 84 anni, ed ogni giorno emergono particolari sempre più inquietanti.

Lo scandalo si sta allargando a macchia d'olio, in ogni direzione possibile, e ad oggi ha investito almeno 30 dipendenti ed ex dipendenti della BBC, indagati per presunta cattiva condotta (sapevano di Savile e non hanno detto nulla?), e volti noti come il comico Freddie Starr e l'ex rockstar Gary Glitter.

In queste ore le indagini si stanno concentrando sull'ospedale Stoke Mandeville, nel Buckinghamshire, di cui Savile era uno dei benefattori. Sarebbe stato proprio grazie alla sua posizione di privilegio che il defunto conduttore avrebbe abusato sessualmente di alcuni giovani vittime ricoverate nella struttura, a partire dagli anni '80.

A denunciare questo particolare è stata una delle presunte vittime dell'uomo, una ragazza inglese che sostiene di esser stata molestata nel 1986 mentre era ricoverata nella struttura dopo aver subito un'operazione. Savile, è emerso nel corso delle indagini, frequentava spesso l'ospedale ed era solito portare regali ai bambini ricoverati.

Lì, secondo gli inquirenti, in molti sapevano della perversione e lo lasciavano fare. Anzi, le infermiere della struttura, scrive il Daily Mail, venivano invitate a far finta di dormire durante le visite di Savile, che aveva quindi modo di passare del tempo da solo coi giovani pazienti.

Questi particolari, alla luce delle ultime rivelazioni, acquistano tutta un'altra valenza e la testimonianza della presunta vittima, che all'epoca aveva 8 anni, ha spinto gli inquirenti ad approfondire la questione.

Lo Stoke Mandeville, però, è soltanto uno dei luoghi in cui Savile avrebbe compiuto molestie ed abusi sessuali. Le accuse arrivano da una parte all'altra della Gran Bretagna, da una scuola del Surrey agli studi e ai camerini della BBC. Difficile a questo punto delle indagini fare un punto della situazione e capire quante delle accuse mosse al defunto conduttore e DJ siano fondate.

Il bilancio provvisorio diffuso da Scotland Yard parla di almeno 300 vittime in un arco di tempo che va dagli anni '70 fino agli ultimi anni di vita di Savile. L'indagine, denominata "Savile e gli altri", prosegue senza sosta.

Via | The Guardian
Foto | © Getty Images

  • shares
  • Mail