Bambino Cittadella tornato a scuola. Famiglia Giglione smentisce

UPDATE: per fornirvi un quadro più dettagliato degli sviluppi di questa delicatissima vicenda, pubblichiamo un comunicato stampa diramato della famiglia materna del bimbo di Cittadella in riferimento alle notizie apparse ieri sul quotidiano il Mattino di Padova.

Comunicato famiglia Giglione

In merito alle notizie sul bambino di Cittadella impropriamente diffuse in data odierna:

Tutto quello che è stato riportato dal quotidiano Il Mattino di Padova ed è rimbalzato in diversi tg nazionali è interamente falso e facilmente verificabile nella sua infondatezza. Quello di oggi è l'ennesimo tentativo strumentale di dare forzatamente un lieto fine ad una vicenda drammatica che purtroppo prosegue nella sua gravità.
Questa diffusione di notizie è un'ulteriore violenza nei confronti del bambino, una profonda mancanza di rispetto della verità e una conferma che la sua voce non viene ancora ascoltata. E' curioso che tali notizie vengano diffuse all'indomani della divulgazione di una petizione meglio informata riguardo la verità, sorta spontaneamente da varie associazioni in nome del diritto del minore ad essere considerato un bambino sano ed essere liberato.


Bambino Cittadella tornato a scuola.


Come riporta Il Mattino di Padova, la vicenda del bambino di Cittadella conteso dai genitori (e sottratto dalla scuola con l'uso della forza da parte degli agenti) starebbe avviandosi verso una degna conclusione. Come stabilito dalla perizia dello psichiatra Rubens De Nicola, il ragazzino dovrà trascorrere ancora del tempo nella casa famiglia prima di essere affidato esclusivamente al padre. Si legge:

Nei giorni scorsi è stato organizzato il primo incontro tra il bambino e la sua mamma, sempre all’interno della casa-famiglia. Gli incontri avverranno a cadenza regolare secondo un calendario stabilito da chi sta seguendo direttamente il caso in costante contatto con il tribunale dei minori. Chi lo vede ogni giorno racconta di un bimbo rinato, sereno, che sta finalmente affrontando la vita in modo normale, vedendo regolarmente entrambi i genitori e non uno soltanto. È tornato anche sui banchi di scuola ma ovviamente non nell’istituto di Cittadella. Frequentare le lezioni e inserirsi in un nuovo contesto sociale lo aiuterà a superare questa triste parentesi della sua giovane vita.


Il quotidiano veneto, inoltre, segnala i risvolti che riguardano la zia e il nonno materni che hanno filmato (ed ostacolato) il lavoro della polizia al momento della sottrazione del minore dall'edificio scolastico:

Prosegue anche l’iter del procedimento penale aperto nei confronti della zia materna e del nonno del bambino, che hanno osteggiato in tutti i modi il recupero del piccolino davanti alla scuola di Cittadella. Ora dovranno rispondere delle accuse di oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale: i due parenti sono stati segnalati dalla questura di Padova alla magistratura.

E se non fosse questo l'iter da seguire per far riallacciare i rapporti tra un genitore con il proprio figlio?!

  • shares
  • Mail