Trento, detenzione e divulgazione di materiale pedopornografico: arrestato 40enne incensurato

Detenzione, scambio e divulgazione di materiale pedopornografico. Queste le accuse contestate ad un uomo di 41 anni, incensurato e rappresentante di una grande azienda trentina, arrestato al termine di una complessa e lunga indagine condotta dalla polizia postale di Trento.

Il materiale era conservato nel computer che l'uomo teneva nella sua abitazione: più di 1.500 fotografie e oltre dieci ore di filmati che avevano come protagoniste bambine e adolescenti palesemente minorenni. Non solo. L'uomo si dilettava anche nel modificare le immagini con vari software di fotoritocco, scambiando i volti o le parti del corpo delle giovani protagoniste.

Per questo motivo nell'ordinanza di custodia cautelare firmata dal gip Carlo Ancona gli viene contestata anche l'accusa di realizzazione di immagini pedopornografiche con tecniche di elaborazione grafica. L'arresto è scattato dopo che le autorità hanno accertato che l'uomo non si è era limitato a conservare il materiale, ma l'aveva messo in condivisione tramite Emule, permettendone così lo scaricamento da parte di altri utenti.

L'uomo, la cui identità non è stata resa nota, è già stato condotto nel carcere di Spini di Gardolo.

Foto | © Getty Images

  • shares
  • Mail