Violenza domestica in Inghilterra: uomo sottoposto ad oltre 12 mesi di abusi da parte della compagna


You need Flash
Player 8 or higher to view video content with the ROO Flash Player. Click here
to download and install it.



E' stata condannata a scontare sette anni di carcere la signora Michelle Williamson, che per 12 mesi ha costretto il suo compagno, il 46enne Ian McNicholl, a subire continue aggressioni, molto spesso legate al sesso.

I due si erano conosciuti in un taxi 18 mesi prima e per qualche tempo le cose sono andate al meglio. Poi, un giorno, la 32enne è esplosa: "Non mi dici mai che mi ami, non prendi mai l'iniziativa quando si tratta di sesso" .

Da quel momento sono iniziate le aggressioni: bruciature con il ferro da stiro, acqua bollente sui genitali, sigarette spente sul petto, pugni e calci e persino bottiglie rotte in faccia.

Era orgogliosa delle ferite che mi infliggeva. Subito dopo, ancora sanguinante, mi obbligava ad uscite per andarle a comprare le sigarette. Altre volte, dopo avermi picchiato, pretendeva che facessimo l'amore, altrimenti mi avrebbe bastonato di nuovo.

L'unica difesa possibile era il silenzio, "ho creduto più volte di morire, ma non mi sono mai vendicato perchè se l'avessi fatto, avrei dovuto ucciderla. Sapevo che sarebbe sempre tornata a cercarmi, la sua crudeltà non conosce limiti".

L'ultimo episodio violento si è verificato nell'aprile dello scorso anno, quando una telefonata anonima, molto probabilmente fatta da un vicino di casa, ha allertato le autorità.

Ora McNicholl può dormire sonni tranquilli, il tribunale di Grimsby ha condannato la 32enne Michelle Williamson a scontare 7 anni di carcere per lesioni personali gravi.

Via | This Is Grimsby

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: