Haringey: uno dei responsabili della morte di Baby P è accusato anche di aver violentato una bambina di 2 anni

Haringey

Quasi certamente vi ricorderete della tragica storia del piccolo Peter, Baby P, deceduto nell'agosto del 2007 ad Haringey dopo mesi di maltrattamenti e torture da parte della madre, del suo nuovo compagno e di un amico di famiglia.

I tre, che si erano incolpati a vicenda, erano stati condannati per aver "causato o permesso la morte" del piccolo Peter, 17 mesi, rischiando così una pena massima di 14 anni di carcere.

Nel corso del processo che si sta svolgendo in questi giorni è emerso un altro particolare raccapricciante: il patrigno di Peter, qualche mese prima della morte del piccolo, aveva violentato una bambina di due anni, anche lei inserita nella lista dei minori a rischio violenza tenuta dall’Haringey Safeguarding Children Board e mai controllata.

E' stata la stessa bambina, in un video di 30 minuti trasmesso nel corso dell'udienza di ieri, a raccontare la violenza subita.

Il processo continua e la sentenza definitiva per i 3 imputati è prevista per la fine di maggio. Il giudice li ha già avvertiti: "aspettatevi una condanna sostanziosa".

Via | Times

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: