Quarto Grado ultima puntata 26 ottobre 2012 live: omicidio Melania Rea, ergastolo a Salvatore Parolisi

Ritornato in prigione, Parolisi si è sciolto in un pianto a dirotto e proclamando, a gran voce, la propria innocenza. E' probabile che, nei prossimi giorni, venga trasportanto in un altro istituto penitenziale.

Non si è ancora arrivati ad identificare l'identikit del telefonista che, per la prima volta, ha dato la notizia del ritrovamento del corpo nella pineta. L'uomo in questione ha più di 50 anni, corporatura media, e parla il dialetto abruzzese (versante di Ascoli Piceno).

Parolisi costituisce un alibi molto solido assemblando varie esperienze vissute tempo prima.

E se Salvatore Parolisi avesse mentito riscostruendo la realtà visitando i luoghi del crimine una settimana prima del delitto?! O ancora che il militare avesse creato un alibi durante il tragitto in macchina con la moglie?!

Nessuno dei testimoni ascoltati dagli inquirenti, ricorda che Salvatore Parolisi sia stato sul pianoro di Colle San Marco nel pomeriggio del 18 aprile 2011.

Alfredo Ranelli (titolare chiosco): Salvatore Parolisi non era alle altalene. L'ho visto solamente qualche tempo dopo quando ha iniziato le ricerche della moglie.

Quarto Grado puntata 26 ottobre 2012

Quarto Grado puntata 26 ottobre 2012
Quarto Grado puntata 26 ottobre 2012
Quarto Grado puntata 26 ottobre 2012

Il giudice dovrà formalizzare le accuse di vilipendio sul cadavere della povera Melania e riscontrare un momento di solitudine di Parolisi per smontare, pezzo per pezzo, il suo alibi (il giorno dopo, il Caporal maggior avrebbe conversato, due volte, con l'amante Ludovica agganciando le celle lontane dal luogo del delitto).

Biscotti: Alcuni reperti sono stati distrutti dopo essere state analizzati. E' successo che il contenuto gastrico, determinante per stabilire l'ora della morte, non è mai stato fotografato ed distrutti dal consulente del pubblico ministero. Si è creato un grossissimo vulnus della difesa.

Biscotti: Il giudice non si è accorto che Parolisi non era in aula. Salvatore non lo sapeva. Quando è salito, la Tommolini voleva rileggere ma ho preferito riferirgli l'esito in privato. Non è stata una notizia sicuramente piacevole. Ci siamo seduti e lui ha detto: "Bisogna andare avanti, non dobbiamo fermarci perché non ho fatto nulla". Un momento di tensione e umanità estrema.


Francesca (sorella di Salvatore Parolisi): Confidiamo nella sentenza di appello.

Dopo i primi abbracci tra i familiari, a Somma Vesuviana, mamma Vittoria si è sentita lievemente male forse per l'eccessiva tensione accumulata durante la giornata.

Nessuno mi potrà riportare la mia Melania.


Michele Rea: E' la fine di un incubo. Ho trovato in Salvatore Parolisi l'assassino. Ha ucciso sua moglie e provocato del dolore a sua figlia. Come famiglia ne usciamo sconfitti perché non ha vinto nessuno. Chi ci rimette è Vittoria. La giustizia terrena ha fatto un grande passo.


Walter Biscotti (legale di Salvatore Parolisi): Non ci lasciamo scoraggiare da questa sentenza. Siamo abituati a combattere. Non è giusta. Abbiamo cercato di mettere in evidenza le mancanze del piano accusatorio. C'è stata una dialettica processuale aspra ma sempre contenuta, seria e rispettosa di tutti i ruoli. Abbiamo spiegato a Parolisi che sarebbe stata una battaglia lunga. Mi dispiace perché, già da domani avrebbe potuto abbracciare la figlia. Salvatore è un soldato e sa che non deve indietreggiare per far valere i propri diritti. Impugneremo una sentenza che non ci piace.

Salvatore Parolisi è rientrato nel carcere di Castrogno (TE).


Mauro Gionni (avvocato della famiglia Rea): Siamo soddisfatti. E’ una sentenza di Primo grado e il cammino è ancora lungo. Credo che sia un passo importante che riconosce la validità dell’impianto accusatorio e quindi degli indizi a carico di Parolisi. Sono stati riconosciuti tutti i reati e le aggravanti nonostante il rito abbreviato. Le superperizie sull’ora della morte di Melania e sul Dna attribuito a Parolisi sulla bocca della donna erano e sono indizi importanti che, abbinati anche a quelli testimoniali, componevano questo quadro: un puzzle composto da tutti questi elementi, messi insieme possono portare a una condanna. Credo che il Giudice abbia ritenuta valida la ricostruzione dei periti sull’ora della morte. Nella sentenza, Tommolini ha disposto una provvisoniale di un milione di euro alla figlia, una provvisionale di 500mila euro per i genitori e 500mila euro al fratello e per gli altri familiari 'minori'. E’ un dramma: non c’è chi vince e chi perde. E’ una risposta, un punto di verità – quantomeno processuale – dato ai familiari, che aiuta ad alleviare il dolore che comunque rimane per tutta la vita.

Il giudice Marina Tommolini ha ordinato l'ergastolo di Salvatore Parolisi, reo di aver ucciso la moglie Melania Rea come chiesto dalla parte civile e dall'accusa. Il soldato ha perso la potestà genitoriale della piccola Vittoria.

Quarto Grado puntata 26 ottobre 2012, gli argomenti di oggi


La sentenza del processo per la morte di Melania Rea è al centro del nuovo appuntamento con Quarto Grado, il programma condotto in diretta dal Centro Palatino di Roma da Salvo Sottile, in onda stasera, alle 21.10, su Retequattro. Il giornalista, con Sabrina Scampini, assieme ad ospiti in studio ed agli inviati sul campo, daranno conto dell’esito del dibattimento, la cui conclusione è attesa per la serata. Salvatore Parolisi sarà condannato o potrà tornare in libertà?

La trasmissione a cura di Siria Magri proseguirà con aggiornamenti e commenti a caldo, dei protagonisti che hanno animato l’aula del Tribunale di Teramo. Nel corso della puntata, inoltre, saranno ripercorse, con numerosi documenti e servizi, tutte le tappe del processo per la morte della giovane donna di Somma Vesuviana. Su Crimeblog, seguiremo la  lunga diretta della serata.Quarto Grado puntata 26 ottobre 2012

Quarto Grado puntata 26 ottobre 2012

Quarto Grado puntata 26 ottobre 2012
Quarto Grado puntata 26 ottobre 2012
Quarto Grado puntata 26 ottobre 2012
Quarto Grado puntata 26 ottobre 2012
Quarto Grado puntata 26 ottobre 2012
Quarto Grado puntata 26 ottobre 2012
Quarto Grado puntata 26 ottobre 2012
Quarto Grado puntata 26 ottobre 2012
Quarto Grado puntata 26 ottobre 2012
Quarto Grado puntata 26 ottobre 2012
Quarto Grado puntata 26 ottobre 2012
Quarto Grado puntata 26 ottobre 2012
Quarto Grado puntata 26 ottobre 2012
Quarto Grado puntata 26 ottobre 2012
Quarto Grado puntata 26 ottobre 2012
Quarto Grado puntata 26 ottobre 2012
Quarto Grado puntata 26 ottobre 2012
Quarto Grado puntata 26 ottobre 2012
Quarto Grado puntata 26 ottobre 2012
Quarto Grado puntata 26 ottobre 2012
Quarto Grado puntata 26 ottobre 2012
Quarto Grado puntata 26 ottobre 2012
Quarto Grado puntata 26 ottobre 2012
Quarto Grado puntata 26 ottobre 2012
Quarto Grado puntata 26 ottobre 2012
Quarto Grado puntata 26 ottobre 2012
Quarto Grado puntata 26 ottobre 2012
Quarto Grado puntata 26 ottobre 2012
Quarto Grado puntata 26 ottobre 2012
Quarto Grado puntata 26 ottobre 2012
Quarto Grado puntata 26 ottobre 2012
Quarto Grado puntata 26 ottobre 2012
Quarto Grado puntata 26 ottobre 2012
Quarto Grado puntata 26 ottobre 2012
Quarto Grado puntata 26 ottobre 2012
Quarto Grado puntata 26 ottobre 2012
Quarto Grado puntata 26 ottobre 2012
Quarto Grado puntata 26 ottobre 2012
Quarto Grado puntata 26 ottobre 2012
Quarto Grado puntata 26 ottobre 2012
Quarto Grado puntata 26 ottobre 2012
Quarto Grado puntata 26 ottobre 2012
Quarto Grado puntata 26 ottobre 2012
Quarto Grado puntata 26 ottobre 2012
Quarto Grado puntata 26 ottobre 2012
Quarto Grado puntata 26 ottobre 2012
Quarto Grado puntata 26 ottobre 2012
Quarto Grado puntata 26 ottobre 2012

  • shares
  • Mail