Catanzaro: rissa finisce in tragedia, morto uno studente di 24 anni

Gianluca Passalacqua

Potrebbe esserci un banale scherzo di carnevale all'origine della lite in cui ieri a Catanzaro ha perso la vita uno studente universitario di 24 anni, Massimiliano Citriniti.

E' accaduto ieri pomeriggio nel parcheggio del centro commerciale Le Fornaci quando Citriniti - secondo la ricostruzione fornita da alcuni testimoni oculari - avrebbe spruzzato il contenuto di una di quelle bombolette spray che si vendono nei giorni di Carnevale alcuni ragazzi, non è chiaro se li conoscesse o meno.

Da lì la rissa, sono volati coltelli ed uno di questi ha raggiunto Citriniti al torace, provocandone la morte dopo dopo il ricovero in ospedale.

Due persone sono state fermate con l'accusa di omicidio volontario aggravato dai futili motivi: si tratta di due nomadi, V.B., 17 anni, e Gianluca Passalacqua (foto), 23 anni, che pare abbiano ammesso, almeno in parte, le loro responsabilità. Sarebbe stato il minorenne, con il suo coltellino da circa 6 centimetri, a sferrare il colpo che ha poi provocato la morte del giovane.

"E' stata una fatalità poiché l'arma usata era un coltellino. La vittima è stata colpita in una parte vitale del corpo" è quanto ha dichiarato al riguardo Vincenzo Antonio Lombardo, procuratore di Catanzaro.

Via | RaiNews24

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: