Operazione Taxi: 18 arresti per traffico di stupefacenti nell'Italia centrale

112E' stata sgominata questa mattina, tra Milano, Pesaro ed Ancona, un'organizzazione dedita allo spaccio di sostanze stupefacenti, prevalentemente cocaina e hascisc, prevalentemente attiva nella zona di Pesare e in tutto il litorale marchigiano.

Diciotto italiani sono finite in manette e tra loro figurano un brigadiere di Castelbolognese, Cosimo Mastrogiovanni, 39 anni, che si occupava di trasportare la merce da Milano a Rimini, ed un tassista (da qui il nome dell'operazione), vero e proprio corriere per l'organizzazione.

La droga proveniva prevalentemente dall'Olanda - ma si faceva rifornimento anche in Calabria e per i prossimi mesi era prevista una "collaborazione" coi narcos brasiliani - ed è stato stimato un traffico di circa 2kg di droga al mese.

A quanto pare il brigadiere Mastrogiovanni non era nuovo al mondo degli stupefacenti e, come si legge nell'archivio di Romagna Oggi, l'uomo era già stato arrestato lo scorso giugno, insieme al fratello minore Paolo, per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio.

Questo il materiale sequestrato in quell'occasione:

Mezzo chilo di cocaina, 346 grammi di hashish, un po' di marijuana, Non solo: anche attrezzi del mestiere, ovvero sostanza da taglio, un bilancino di precisione, un piccolo termosaldatore.

E, sempre spulciando gli archivi online, emerge che lo stesso Mastrogiovanni "aveva già avuto guai con la giustizia nell'ambito di un'inchiesta relativa ad un giro di prostituzione e per l'accusa di falso documentale"

Via | RomagnaOggi

  • shares
  • Mail