Omicidio a Chieti: 40enne ucciso con un collo di bottiglia, arrestato un giovane

omicidio a Chieti

È stato arretrato il presunto assassino dell'uomo di 40 anni ucciso nella notte a cavallo tra sabato e domenica a Chieti con un fendente che gli avrebbe reciso la gola. In manette è finito ieri pomeriggio un ragazzo di 24 anni.

Tra lui e la vittima (incensurata) secondo quanto ricostruito dagli investigatori della polizia di Chieti, sarebbe scoppiata una lite per futili motivi davanti a un kebab in Via Pescara, nei pressi dell'intersezione con via Colle dell'Ara, che si trova in una zona vicina al polo universitario e molto frequentata dagli studenti.

Quando sul posto è arrivata l'ambulanza del 118 il 40enne era già deceduto. Gli interrogatori dei testimoni sono poi andati avanti fino alle 6 del mattino. Il giovane tratto in arresto dovrà ora rispondere dell'accusa di omicidio volontario, un delitto che sempre secondo gli investigatori potrebbe essere stato commesso dopo un apprezzamento su una ragazza.

Nella violenta lite il 40enne ha avuto la peggio, colpito a morte probabilmente con un collo di una bottiglia di vetro rotta. Le indagini sono coordinate dal pubblico ministero di turno e dirette dal vicequestore aggiunto di Chieti Francesco Costantini.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail