USA, omicidio di Keith Scott a Charlotte: il filmato girato dalla moglie

Rakeyia Scott, la moglie di Keith L. Scott, l’uomo ucciso da un agente di polizia di Charlotte, in North Carolina, ha deciso di oggi di diffondere il filmato ripreso col suo telefono cellulare proprio nel momento della sparatoria.

I legali della famiglia Scott, dopo tre giorni di proteste in strada e dopo aver visionato il filmato girato dagli agenti coinvolti nella sparatoria, hanno deciso di rilasciare il materiale in loro possesso e di affidare il filmato girato da Rakeyia al New York Times.

Il video, SCONSIGLIATO A CHI SI IMPRESSIONA FACILMENTE, non mostra il momento in cui Scott è stato crivellato di colpi né aiuta a chiarire l’esatta dinamica. La moglie della vittima si trovava a pochi passi di distanza quando gli agenti sono entrati in azione.

Scott si trovava nella sua auto in attesa che arrivasse l’autobus con a bordo uno dei suoi figli quando gli agenti, che stavano cercando un sospettato in quella zona, si sono concentrati su di lui. Il 43enne, a detta dei suoi familiari, non era armato. Gli agenti, invece, sostengono che l’uomo, una volta sceso dall’auto, si sia riavvicinato al mezzo nel tentativo di prendere un’arma.

In questo filmato - così come in quello in possesso delle autorità, non ancora reso pubblico - le mani di Scott non sono visibili e non è chiaro, quindi, se l’arma di fosse o meno. Sentiamo la voce di Rakeyia Scott dichiarare più volte che suo marito non è in possesso di nessuna arma e gli agenti intimare più e più volte al 43enne di lasciare cadere a terra l’arma.

La donna, che visti i recenti casi di uso eccessivo della forza da parte delle forze dell’ordine ha deciso di riprendere col proprio smartphone quanto stava accadendo, ha provato anche a spiegare che il marito soffriva ancora di un trauma cranico in seguito a un incidente in moto avvenuto lo scorso anno e che aveva appena preso le sue medicine.

Dopo un primo colpo di taser, però, uno degli agenti esplode i colpi di pistola che si riveleranno poi fatali. Una pistola, secondo quanto riferito dagli agenti, è stata effettivamente recuperata sul luogo della sparatoria, ma al momento si attende il rapporto completo delle autorità di Charlotte per avere un quadro più completo.

omicidio-di-keith-scott-a-charlotte.jpg

  • shares
  • Mail