Minnesota, accoltella i clienti di un centro commerciale: 8 feriti, aggressore ucciso da un agente

18.30 - L’attacco di ieri nel centro commerciale Crossroads Center di Saint Cloud, in Minnesota, sarebbe stato compiuto da un sostenitore dello Stato Islamico. O almeno è quello che sostiene l’ISIS, che ha prontamente rivendicato le gesta dell’uomo ucciso dagli agenti dopo aver accoltellato otto persone:

L’esecutore degli accoltellamenti ieri in Minnesota era un soldato dello Stato Islamico e ha condotto l’operazione in risposta alla chiamata a prendere di mira di cittadini dei Paesi che appartengono alla coalizione dei crociati.

L’uomo non è ancora stato identificato dalle autorità statunitensi e al momento la rivendicazione da parte dell’ISIS non ha trovato conferme ufficiali. Solo quando l’aggressore sarà stato identificato si potranno verificare eventuali collegamenti col Daesh.

10.00 - Un uomo non ancora identificato dalle autorità è stato ucciso da un agente della polizia St. Cloud, in Minnesota, dopo aver fatto irruzione nel centro commerciale Crossroads Center armato di coltello e aver aggredito otto persone.

Il sospetto è entrato in azione indossando la divisa d'ordinanza di una società di sicurezza privata e, secondo quanto riferito dai presenti, avrebbe inneggiato ad Allah prima di lanciarsi nell’aggressione.

Blair Anderson, capo della polizia di St. Cloud, sta usando la massima cautela:

Abbiamo avuto conferma che ha chiesto ad almeno una persona se fosse musulmana prima di aggredirla. […] Non posso dire ora se si tratti o meno di un attacco terroristico, perché non lo sappiamo.

Anderson ha confermato che il sospetto ha accoltellato almeno otto persone prima di venir ucciso da un agente fuori servizio che si trovava sul posto.

Nessuna delle persone ferite ha riportato lesioni gravi e nessuna di loro è in pericolo di vita.

crossroads-center-minnesota.jpg

  • shares
  • Mail