USA, 13enne con pistola giocattolo ucciso dalla polizia in Ohio

Un ragazzino di 13 anni, Tyre King, è stato ucciso a colpi di pistola dalla polizia di Columbus, in Ohio, dopo aver estratto una pistola giocattolo, priva della parte colorata che serve a distinguerla da un’arma vera, nel corso di un inseguimento.

Gli agenti sono intervenuti dopo una segnalazione di rapina a mano armata - con un bottino di 10 dollari - e quando sono giunti sul posto hanno identificato tre possibili sospettati. Due di loro, alla vista degli agenti, sono fuggiti in un vicolo e lì sono stati raggiunti dai militari.

Uno dei due, il 13enne Tyre King, ha estratto l’arma giocattolo dalla cintura e gli agenti, secondo quanto ricostruito, lo hanno crivellato di colpi, convinti che si trattasse di una pistola vera e che il giovanissimo avrebbe aperto il fuoco.

Per Tyre King non c’è stato nulla da fare: il giovane è stato trasportato nel più vicino ospedale, dove è deceduto a causa delle ferite riportate.

Nel corso della conferenza stampa tenuta poche ore fa dalla Polizia di Columbus è stata mostrata la foto della pistola che il giovane aveva con sé, una replica di una pistola ad aria compressa. Il sindaco Andrew Ginther, in conferenza, ha spiegato:

C’è qualcosa di sbagliato in questo Paese e sta portando un’epidemia tra le strade della nostra città. Un 13enne è morto nella città di Columbus a causa della nostra ossessione per le armi e la violenza.

pistola-giocattolo-columbus-ohio.jpg

Via | Washington Post

  • shares
  • Mail