Bisceglie, buttafuori in fin di vita dopo agguato: 4 arresti

bisceglie.jpg

Quattro persone sono state bloccate dai carabinieri di Bisceglie, in provincia di Barletta-Andria-Trani, con l’accusa di aver preso parte all’aggressione di Sabino Caccavo, 40enne buttafuori in un locale sul lungomare di Bisceglie colpito a coltellate e a colpi di pistola dopo essersi rifiutato di farle entrare nella struttura.

L’aggressione risale al 12 agosto scorso, ma solo ora si è riusciti a identificare i presunti responsabili e assicurarli alla giustizia. Si tratta di quattro ragazzi residenti proprio a Bisceglie, tutti di età compresa tra i 25 e i 30 anni e tutti con precedenti penali.

Giosuè Caterino e Nicola De Vincenzo erano stati fermati pochi giorni dopo l’aggressione, mentre l’arresto di Mauro Leuci e Paolo De Gennaro è scattato oggi. A spiegare cosa è accaduto quella sera ci ha pensato il procuratore reggente di Trani, Francesco Giannella, in conferenza stampa:

I quattro spacciavano e il bodyguard stava facendo il suo dovere impedendo loro che entrassero nel locale. […] Quella notte nei suoi confronti hanno messo a punto un agguato, attirandolo in un luogo appartato con un pretesto. Una volta fuori dal locale lo hanno colpito presumibilmente prima al torace con il coltello e poi gli hanno sparato.

Fondamentale per l’identificazione dei quattro è stato il racconto dello steso Caccavo, riuscito a fornire qualche dettaglio ai soccorsi prima dell’aggravarsi delle sue condizioni.

L’uomo, subito sottoposto a un intervento chiurgico, si trova ora ricoverato in fin di vita in ospedale.

  • shares
  • Mail