Caserta: uccide compagna a coltellate e mette il cadavere in un sacco a pelo - Video

Dopo aver ucciso la sua compagna si è costituito alla stazione dei carabinieri di Santa Maria Capua Vetere (Caserta) con il coltello in mano, ancora insanguinato. Un uomo di 55 anni, originario di Arienzo (Caserta) è stato posto in stato di fermo con l'accusa di omicidio. Il delitto si è consumato in località Cava Tifatina nel comune di San Prisco (Caserta).

L'arrestato ai militari dell'Arma ha raccontato che avrebbe perso la testa uccidendo la donna al culmine di un violento litigio sulle cui cause si indaga ancora. Il cadavere della vittima, una donna di 59 anni originaria di Catania, è stato trovato in sacco a pelo nel luogo segnalato dal presunto omicida ai carabinieri.

La vittima sarebbe stata uccisa con una dozzina di coltellate alla schiena. La coppia viveva in un camper ma si spostava abitualmente, nella zona infatti i due non erano conosciuti. Sul posto oltre ai carabinieri del comando provinciale di Caserta anche il magistrato di turno della Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere che coordina le indagini.

  • shares
  • Mail