Latiano (Brindisi): padre uccide il figlio e si costituisce

Ha ucciso il figlio di 33 anni con un colpo di arma a fuoco alla testa, poi si è costituito. È successo a Latiano, in provincia di Brindisi, ieri sera. Secondo la ricostruzione dell'omicidio formulata dai carabinieri la vittima si era recata a casa del padre per chiedere dei soldi.

Di fronte al rifiuto di quest'ultimo, padre e figlio hanno iniziato a litigare, finché da una pistola nella disponibilità del genitore non sarebbero partiti dei proiettili. Non è chiaro se subito dopo aver ucciso il figlio l'uomo abbia preso il telefono facendo il 112 o se sia stata la moglie e farlo, fatto sta che il presunto omicida è stato prelevato in casa e portato in caserma per essere ascoltato.

Sul posto - in una casa nei pressi del campo sportivo di Latiano, in via Francesco Scarafile - i militari, la polizia e il medico legale. Le indagini sono coordinate dal pubblico ministero Francesco Carluccio. L'arrestato è rinchiuso nel carcere di Brindisi in attesa dell'interrogatorio di convalida dell'arresto da parte del gip.

L'uomo avrebbe sparato sei volte all'indirizzo del figlio con un revolver, il 33enne è stato raggiunto da almeno tre colpi, fatale quello alla testa.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail