Vico Equense: stuprano 15enne e filmano violenza minacciando di diffonderla sui social

Avrebbero stuprato una 15enne e filmato le violenze con telefoni cellulari. È accaduto a Vico Equense, nel napoletano. Protagonisti in negativo della vicenda sono 12 minorenni, tra cui il ragazzo della vittima e uno con meno di 14 anni che per legge non può essere nemmeno indagato.

La ragazzina ha raccontato di essersi appartata con il suo fidanzato e che lui aveva filmato il loro rapporto, usando poi il video per minacciarla: se la giovane non avesse consentito a fare sesso anche con i suoi amici, lui avrebbe diffuso quel filmato sui social network. Anche gli altri rapporti sessuali forzati sono stati poi ripresi e all'adolescente sono state fatte le stesse minacce di diffusione dei video.

Così la vittima ha raccontato al pm minorile alla presenza di una psicologa, racconto che sarebbe stato riscontrato dalle dichiarazioni di alcuni testimoni e da altri elementi d'indagine. I giovanissimi presunti stupratori, tra i 13 e i 17 anni, compreso il fidanzatino della ragazzina, sono ora in un comunità. L'accusa mossa è di violenza sessuale di gruppo.

A notificare il provvedimento cautelare a loro carico sono stati i carabinieri di Pimonte, Gragnano, Vico Equense e Castellammare di Stabia. Un vero incubo quello vissuto dalla minorenne iniziato quando il fidanzato le ha chiesto di filmare il loro rapporto sessuale. Dopo i ripetuti stupri la giovane ha trovato la forza di raccontare tutto ai carabinieri e oggi il gip del tribunale dei Minori di Napoli ha emesso le misure a carico degli indagati.

Stupro vico

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail