Nardò, dà fuoco al padre dell’ex fidanzata e si barrica in casa: arrestato 32enne

ITALY-PRISON-RIGHTS

Ha fatto irruzione nell’abitazione della sua ex fidanzata, ha dato fuoco a suo padre dopo averlo cosparso di liquido infiammabile e si è barricato in casa per diverse ore, minacciando di far esplodere le bombole di gas presenti nell’appartamento.

É accaduto questa mattina a Nardò, in provincia di Lecce, quando intorno alle 10.00 il 32enne Alvise Miccoli, già noto alle forze dell’ordine, ha sfondato la porta dell’abitazione della sua ex fidanzata in via De’ Bernardini, tornata a vivere coi genitori dopo la fine di quella relazione.

Il padre della 20enne, temendo il peggio, ha preso il fucile che teneva in casa e ha intimato a Miccoli di andarsene, ma questi in tutta risposta, secondo la ricostruzione dei militari, sarebbe riuscito a disarmarlo e a lanciargli addosso la benzina e dargli fuoco. La giovane, intanto, era riuscita a darsi alla fuga uscendo da una finestra e a lanciarle l’allarme.

All’arrivo delle forze dell’ordine, mentre il ferito veniva trasferito al centro grandi ustionati del “Perrino” di Brindisi, si è barricato in casa insieme alla sorella più piccola della 20enne e a sua nonna, non vedente, e ha minacciato di far esplodere le bombole di gas presenti in casa se la 20enne non fosse tornata da lui e gli avesse promesso di sposarlo.

Dopo una lunga trattativa a cui ha preso parte anche l’avvocato del 32enne, Alvise Miccoli si è arreso e si è lasciato arrestare. Il padre della sua ex fidanzata si trova ricoverato in ospedale con ustioni di primo e secondo grado sul 30% del corpo.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail