Tangenti per vincere concorso: arrestati militari

arrestati militari per corruzione

Sono quattro gli arresti eseguiti questa mattina in un'inchiesta coordinata dalla procura di Napoli che vede coinvolti cinque militari. Secondo quanto ricostruito dagli investigatori gli indagati promettevano di far prendere il posto di militare dell'Esercito dietro il pagamento di una tangente da diecimila euro.

Tanto era il prezzo fissato come corrispettivo per far superare il concorso di volontario nell'Esercito Italiano in ferma prefissata. Per gli inquirenti della Procura di Napoli Nord è questa la somma che un operaio della provincia di Napoli avrebbe consegnato ad alcuni militari dell'Esercito per ottenere informazioni "riservate" sui test di accesso e una raccomandazione per la figlia nelle prove del concorso per il reclutamento 2015.

Il blitz della Guardia di Finanza di Napoli - Nucleo di Polizia Tributaria - a carico dei soggetti coinvolti è scattato alle prime luci dell'alba di oggi, con la notifica di un'ordinanza cautelare per associazione per delinquere finalizzata alla commissione di più delitti di corruzione a carico.

Due dei militari indagati sono stati posti agli arresti domiciliari, altri due sono stati sospesi per un anno dal servizio. Stessa accusa per un appartenente alla Guardia di Finanza, raggiunto dalla misura cautelare dell'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria, e per altre due persone.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail