Acerra, costringe le due figlie minorenni a prostituirsi con un 75enne

acerra.jpg

Una donna di 45 anni e un uomo di 75 anni sono finiti in manette ieri ad Acerra, alle porte di Napoli, con la pesante accusa di violenza sessuale e sfruttamento aggravato della prostituzione. Vittime delle violenze sono state le due figlie minorenni della donna, costrette a sottostare agli abusi sessuali di un vicino di casa.

A scoprire cosa stava accadendo sono stati i servizi sociali di Acerra che da qualche mese stavano seguendo una delle due bimbe, da tempo affidata da una casa famiglia. Gli abusi, secondo quanto emerso, sarebbero iniziati nel 2011 e sarebbero andati avanti fino al 2015, quando le autorità sono state allertate e hanno avviato le indagini.

La donna costringeva le due bimbe a recarsi a casa del vicino per subire le violenze e si faceva pagare per ogni abuso, dai 2 ai 50 euro a seconda di quello che le bimbe venivano costrette a fare.

La 45enne e il vicino di casa pedofilo sono stati arrestati - quest’ultimo si trova ora ai domiciliari - mentre il padre e lo zio delle due bimbe risultano indagati.

  • shares
  • Mail