Roma, 63enne trovata morta in casa: il figlio ha confessato

via-enea-roma.jpg

20.10 - A poche ore dall’arresto di Lorenzo Borghi, accusato di aver ucciso la madre Paola Borghi soffocandola con un cuscino, è arrivata la confessione. Il 24enne, iscritto al terzo anno di Statistica alla Sapienza di Roma, ha ammesso di aver soffocato a morte la madre dopo essere arrivato ad odiarla:

Ho pensato più volte di uccidere mia madre in questi anni perché non voleva rivelarmi neanche l'identità di mio padre.

Il giovane in un primo momento ha tentato di depistare le indagini mettendo a soqquadro l’abitazione e inscenando un furto, ma la sua versione dei fatti non ha convinto gli inquirenti che, dopo averlo messo alle strette, sono riusciti a farlo confessare.

10.14 - Il figlio di Paola Borghi è stato fermato questa mattina con la pesante accusa di omicidio. Il suo racconto non ha convinto gli inquirenti e il fatto che la porta di casa fosse chiusa a chiave dall’interno ha convinto le autorità a disporre il suo fermo.

Il giovane, secondo quanto ricostruito, avrebbe soffocato la madre con un cuscino e inscenato il furto nel tentativo di depistare le indagini.

09.40 - Una donna di 63 anni, Paola Borghi, è stata trovata morta questa mattina all’interno della sua abitazione al civico 58 di via Enea, nel quartiere Appio Latino, uccisa durante la notte mentre si trovava in camera da letto.

A lanciarle l’allarme intorno alle 6 di oggi è stato il figlio 24enne, che si trovava in casa al momento della tragedia. Il giovane ha raccontato di aver sentito un forte rumore provenire della camera della madre e di averla trovata già morta quando è andato a controllare.

Il corpo della donna è stato rinvenuto semivestito sul letto, con una molletta sul naso e un cuscino in faccia.

Il 24enne, ora in commissariato per l’interrogatorio di rito, sostiene che qualcuno si sia introdotto nell’abitazione per compiere un furto e che, sorpreso dalla donna, l’avrebbe uccisa soffocandola con un cuscino.

Sarà l’autopsia, già disposta dal magistrato di turno, è fornire qualche dettaglio in più sulle cause del decesso. I rilievi nell’abitazione in cui è avvenuto il delitto, intanto, sono ancora in corso.

  • shares
  • Mail