Torino, rapisce il figlio di due anni: arrestato

Un elettricista di 35 anni ha raggiunto la moglie a casa e, armato di coltello, ha rapito il figlio di due anni

violenzadomestica_01

Un elettricista di 35 anni è stato arrestato quest’oggi dopo il rapimento del figlio di due anni avvenuto in via Parri, in una zona popolare di Nichelino, comune dell’hinterland torinese.

L’uomo si era convinto che la moglie, un’impiegata 34enne, lo tradisse ed erano così cominciate le minacce, le botte e le violenze. La donna non aveva mai denunciato le violenze subite e ieri notte le tensioni fra i due hanno raggiunto l’apice.

L’uomo, armato di coltello, è entrato nella casa dei suoceri e ha colpito la consorte che si era rifugiata lì impaurita dalle minacce del marito. Verso l’1.30, disarmato dall’anziano, è riuscito a scappare a bordo di una Fiat Ulisse e si è diretto a San Germano Chisone, dove la famiglia ha una seconda casa per le vacanze.

I carabinieri di Nichelino, di Moncalieri e del nucleo investigativo di Torino hanno iniziato una caccia all’uomo che è durata fino alle 4 di notte quando il segnale del Gps del suo cellulare è stato individuato nei pressi di Villar Perosa.

L’uomo è stato arrestato per maltrattamenti, minacce e lesioni. Il bambino è stato condotto in caserma dove ha dormito fino a quando non è arrivata sua madre che ha poi raccontato tutte le violenze che non aveva mai denunciato prima.

Via | La Stampa

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail